settembre 23, 2017

Prendiluna - Stefano Benni

Questo libro lo avevo preso in vista dell'incontro con l'autore a Pordenonelegge, a cui alla fine non ho potuto partecipare. Spero vivamente che l'autore sia presente anche il prossimo anno, in modo da fargli un paio di domande.
Che dire di questo libro nello specifico? C'è una vecchia maestra in pensione, due uomini fuggiti da un manicomio e dieci splendidi mici, che si può volere di più?

Titolo: Prendiluna
Autore: Stefano Benni
Anno di pubblicazione: 2017 (maggio)
Casa editrice: Feltrinelli Editore
Genere: narrativa

Trama:

Una notte in una casa nel bosco, un gatto fantasma affida a Prendiluna, una vecchia maestra in pensione, una Missione da cui dipendono le sorti dell'umanità. I Diecimici devono essere consegnati a dieci Giusti. È vero o è un'allucinazione? A partire da questo momento non saprete mai dove vi trovate, se in un mondo onirico farsesco e imprevedibile, in un sogno Matrioska in un Trisogno profetico, se state vivendo nel delirio di un pazzo o nella crudele realtà dei nostri tempi. Incontrerete personaggi magici, comici, crudeli. Dolcino l'Eretico e Michele l'Arcangelo - forse creature celesti, forse soltanto due matti scappati da una clinica, che vogliono punire Dio per il dolore che dà al mondo. Un enigmatico killer-diavolo, misteriosamente legato a Michele. Il dio Chiomadoro e la setta degli Annibaliani, con i loro orribili segreti e il loro disegno di potere. E altri vecchi allievi di Prendiluna: Enrico il Bello, Clotilde la regina del sex shop, Fiordaliso la geniale matematica. E il dolce fantasma di Margherita, amore di Dolcino, uccisa dalla setta di Chiomadoro. E conosceremo Aiace l'odiatore cibernetico e lo scienziato Cervo Lucano che insegna agli insetti come ereditare la terra. Viaggeremo attraverso il triste rettilario del mondo televisivo, e la gioia dei bambini che sanno giocare al Pallone Invisibile, periferie desolate e tunnel dove si nascondono i dannati della città. Conosceremo i Diecimici - come Sylvia la gatta poetessa, Jorge il gatto telepatico, Prufrock dalle nove vite - e poi Hamlet il pianista stregone, il commissario Garbuglio che vorrebbe diventare un divo dello schermo, e l'ultracentenaria suor Scolastica, strega malvagia e insonne in preda ai rimorsi. Fino all'Università Maxonia, dove il sogno diventerà una tragica mortale battaglia e ognuno incontrerà il proprio destino. E ci sveglieremo alla fine sulla luna, o in riva al mare, o nella dilaniata realtà del nostro presente.

settembre 21, 2017

Intervista a Guido Sgardoli

Dato che il libro di Guido Sgardoli "The Stone - la settima pietra" è uscito da pochissimo, ho deciso di mettere la sua intervista fatta durante Pordenonelegge per prima in modo da farvi conoscere questo libro ^^

D- Abbiamo con noi Guido Sgardoli, autore di "The stone - la settima pietra" edito da Piemme. L'autore non è nuovo a romanzi che parlano di avventure nella narrativa per ragazzi, è infatti anche vincitore di un premio Andersen (per "Il giorno degli eroi" nel 2015 e come miglior scrittore nel 2009). Ha all'attivo molti libri e adesso è arrivata anche questa nuova sfida dove dice di essersi ispirato anche ai grandi romanzieri noir e thriller. Ci racconta qual'è la trama del romanzo e da dove trae ispirazione per questa avventura?

settembre 18, 2017

Pordenonelegge2017 - Giorni 3 e 4

Eccoci qui con il recap di quello che è successo nella terza e quarta giornata di Pordenonelegge ^^

Venerdì 15 settembre, ovvero il Jennifer day.

Per chi ha letto i miei post relativi al festival dell'anno scorso, ricorderete certamente che una giornata è stata intitolata il "Cecelia Day" in quanto è stata una giornata interamente dedicata a Cecelia Ahern. Ebbene, quest'anno la cosa si è ripetuta con Jennifer Niven. 
La sala stampa è stata molto intensa per me.
Avevo già preso posto sulle sedie per accaparrarmi una buona vicinanza con il registratore ed ero un po' in ansia perchè avevo tra le mie mani un segnalibro fatto apposta per lei, per ricambiarla in qualche modo del suo splendido libro Raccontami di un giorno perfetto
Non appena lei è entrata le sono andata incontro, con la mia solita timidezza, e le ho dato in regalo il segnalibro. Lei è stata molto contenta e mi ha abbracciata e da lì il mio cervello ha fatto puff. Ci siamo fatte delle foto insieme e.. non so, il mio sguardo è veramente da "Oddio, cosa sta succedendo" XD. L'autrice è tanto tanto carina sia come si è posta nei confronti di tutti, gentile e disponibile per millantamila foto, sia esternamente perché è proprio una bella donna. In ogni caso dopo aver fatto l'intervista, mi sono fatta autografare i libri e poi pausa fino al suo incontro delle 19.00. Avrei dovuto partecipare ad un altro incontro prima ma.. forse già sentivo le prime avvisaglie della quasi influenza e quindi la mia saggia mente ha deciso di farmi riposare un attimo.
In ogni caso alle ore 18.00 ero la prima della fila, pronta al fantastico incontro serale dove l'autrice, ha risposto alle ottime domande di Federica Manzon (altra autrice, ma di cui non ho ancora letto nulla.. recupererò entro il prossimo anno). Federica merita veramente una menzione d'onore perché tra gli incontri a cui ho partecipato, le sue domande sono state quelle che più mi hanno intrigato, le più pertinenti, insomma la miglior intervistatrice.
Finito l'incontro, tanti autografi, tante foto ed ho aspettato fino all'ultimo per poter fare un selfie con lei ed ancora una volta lei mi ha ringraziato per il pensiero della mattina. Super carina <3
Ho molto materiale sugli incontri con lei, quindi ci impiegherò un po' per trascrivere tutto, ma abbiate fede che la sua intervista arriverà ^^

Sabato 16 settembre

Sabato, giorno di mercato a Pordenone. Sono arrivata in città verso le 11.20 e non appena sono smontata dalla macchina c'era l'odore di rosticceria ad accogliermi... Non potete immaginare la fatica che ho fatto a trattenermi dal prendere qualcosina da mangiare XD.. L'incontro della mattina a cui ho partecipato si intitolava "Diritto all'oblio, dovere della memoria", ovvero un incontro su questi due diritti in contrasto nell'era social, dove ormai si sa tutto di tutti.. anche un passato che si vuole nascondere. Un incontro molto bello con Umberto Ambrosoli e Massimo Sideri che con degli esempi hanno guidato il nostro cammino in questa area ancora poco tutelata della nostra giurisdizione. 
L'esempio che mi è rimasto più impresso è stato un caso studiato da tutti i giuristi; quello di un imprenditore spagnolo che ha chiesto a Google di rimuovere un articolo di qualche anno prima in cui risultava che gli fosse stata pignorata la casa per non aver pagato delle tasse. Vedendosi rifiutata la sua richiesta, egli decise di ricorrere alla corte di giustizia europea in quanto il fatto era molto vecchio ed era poi stato risolto e che a distanza di anni, questa onta gli avrebbe rovinato la carriera per sempre. La corte di giustizia europea gli ha dato ragione ed obbligato google a togliere il tanto odiato link tra il nome dello spagnolo e il pignoramento della casa... Solo che questo signore non aveva calcolato che andando in giro alla corte, nelle varie televisioni etc, per farsi giustizia, egli aveva creato un nuovo caso di pubblico interesse per il diritto all'oblio, ritrovandosi di nuovo fra le prime pagine di google per questa sua azione legale. Se volete potete trovare facilmente informazioni su questo caso online.
Un incontro diverso dai soliti, ma molto interessante.
Alla sera invece, ho preso un incontro doppio con Federica Bosco e Luca Bianchini che presentavano i loro libri a tema amicizia e viaggi. Federica ha presentato il suo "Ci vediamo un giorno di questi" che parla dell'evoluzione dell'amicizia dai banchi di scuola fino ad arrivare ai quarant'anni. Luca invece ha conquistato gli intervenuti all'incontro con la sua irriverenza ed ha presentato il suo romanzo "Nessuno come noi". Questo è stato l'incontro più divertente a cui ho preso parte. La simpatia di Bianchini hanno reso questa serata memorabile e vi dirò di più. Al momento delle firme del libro, Luca si è rivelato un personaggio molto singolare. Scambiava qualche parola o battuta con tutti e la fila sembrava non andare mai avanti... semplicemente perché era lui a venire incontro al pubblico man mano che firmava le copie, non la fila che andava avanti XD. Molto carino.

Questo il riassunto di venerdì e sabato. Prossimamente arriveranno le interviste, le recensioni e alcuni special legati al festival, quindi visitate spesso il blog o i social collegati (Instagram e Facebook per lo più) per non perdervi neanche un post ^^

p.s. Domenica ho avuto altre priorità quindi non ho partecipato ad eventi nel festival, ma ho solo fatto due passi in centro u.u. Mi rifarò il prossimo anno prendendo ferie in tutte e cinque le giornate (spero).

settembre 14, 2017

Pordenonelegge 2017 - Giorni 1 e 2

La mia avventura a Pordenonelegge la potrete seguire soprattutto su Instagram in quanto mi sono trovata molto bene a fare brevi video degli incontri a cui sto partecipando. Alcune foto le trovate anche sulla pagina Facebook, ma la maggior parte delle cose le carico su Instagram appunto.

Stasera vi lascio con un post riassuntivo delle mie prime due giornate al festival.

Mercoledì 13 settembre è stata una giornata breve ma faticosa ed intensa.
Dopo la mattinata al lavoro, mi sono recata per la sala stampa con Carlos Ruiz Zafón. Innanzitutto devo dire che come sempre l'organizzazione di Pordenonelegge è sempre fantastica e tutto il personale che si occupa dell'organizzazione delle interviste e quant'altro è sempre efficiente. Ritirato il pass con il bell'asinello e prenotato il posto per la serata proprio con Zafón, ho aspettato con calma l'inizio dell'incontro collettivo con la stampa.
Quando l'autore è entrato ho avuto delle buone sensazioni. Non è una persona che fa pesare il fatto di  aver venduto ennemila copie dei suoi libri etc.. Proprio da subito mi è parso una personcina molto carina.
Il suo tono di voce è pacato ed esprime le sue opinioni in modo leggermente prolisso, ma dà delle risposte complete. Purtroppo non ero nella posizione ottimale per fare un audio, quindi per fare poi il post specifico su Zafón, un po' dovrò affidarmi agli appunti cartacei.
Ho trovato una deliziosa ragazza con cui ho scambiato quattro chiacchiere e si chiama Giorgia, blogger di Giorgia's Bookcase. Ha aperto il blog da poco e se volete andate a darci una sbirciata^^

Dopo un leggero pasto a base di pizza e poi di nuovo una mezza giornata lavorativa, faccio tappa dal mio ragazzo per poi dirigermi con calma verso il teatro Verdi per l'incontro serale con l'autore.
Lo volete sapere un aneddoto divertente?
Ero convintissima che l'incontro fosse alle 19.00 e quindi avevo pianificato di muovermi da casa del mio ragazzo alle 18.00 per avere abbastanza tempo per trovare parcheggio. Per caso apro la app di Pordenonelegge per vedere gli incontri del giorno dopo e ... ta-daaan, il guaio: l'incontro al Verdi era alle 18.30... ed erano le 18.00!! Preso da un moto di pietà il mio ragazzo prende la macchina e mi scarica letteralmente davanti al Teatro e sono riuscita ad entrare in tempo. Anzi con anche una decina di minuti di anticipo pure XD
Quando finalmente è ora di cominciare, dopo un breve saluto degli organizzatori e dei rappresentanti regionali, finalmente l'incontro serale con l'autore. Sono rimasta un po' delusa in quanto le domande erano circa le stesse che erano state fatte la mattina, ma stavolta il registratore ha fatto il suo dovere e sono riuscita a catturare le risposte. Ci vorrà qualche giorno per mettere tutta la registrazione nero su bianco (contate che è circa un'ora di intervista da trascrivere), ma abbiate fede che arriverà nel blog.
Cosa posso anticiparvi dell'incontro? Un breve aneddoto per farvi capire che l'autore è anche simpatico:
In un momento di silenzio assoluto suona un cellulare e Zafón ha detto al proprietario di suddetto telefono "Lo sai che c'è da pagare una multa e ce la spartiremo tra noi?" (Indicando sè stesso, la sua traduttrice e l'intervistatore).

Al teatro Verdi ho ritrovato anche Giorgia, la blogger di cui vi accennavo prima e sono riuscita a scambiare altre due parole con lei.
Mi piace come dei perfetti estranei riescano ad entrare in contatto quando hanno una passione in comune, è una cosa assurdamente fantastica.

Giovedì 14 settembre, ovvero oggi.

Al solito ho dovuto destreggiarmi tra lavoro-pnlegge-lavoro, quindi sono rimasta nel centro della manifestazione solo per poche ore per un incontro ed un'intervista.
L'incontro era intitolato "è tutto un fantasy" che per me è stato un vero e proprio toccasana. Il relatore era molto bravo ed è riuscito a coinvolgere i ragazzini delle scuole medie intervenuti all'evento.
L'incontro è iniziato parlando di che cos'è il genere fantasy e delle sue molte sfaccettature.
Cosa contraddistingue un fantasy come genere?
Parla di mondi immaginari, dell'eterna lotta tra bene e male e che spesso chi deve portare il fardello di sconfiggere il male è un personaggio piccolo e all'apparenza debole.
Gli esempi del relatore sono stati Il signore degli anelli, Harry Potter, Narnia, Eragorn ed altri... ero veramente in brodo di giuggiole a sentire questi nomi.
L'incontro si è focalizzato maggiormente sul Signore degli anelli e dopo averlo descritto brevemente è stato preso il personaggio di Aragorn per un'analisi più approfondita. Aragorn che all'inizio della trilogia è schivo, cupo, nell'ombra, insicuro di sè, che ha paura di cadere in tentazione come il suo antenato e che invece alla fine ispira la gente a combattere nella battaglia davanti ai cancelli neri con il suo famoso discorso "Non è questo il giorno...etc..".
Tra dibattiti coinvolgenti (a cui avrei voluto partecipare ma ho taciuto per lasciare spazio ai ragazzi delle scuole), clip ben studiate e piazzate, un relatore fantastico, ed un argomento davvero molto interessante a livello personale, è stato un incontro che per me rimarrà negli annali di Pordenonelegge.

Successivamente ho pranzato di nuovo con la mia sorellina e poi via alla sala stampa con Sgardoli.
Anche qui ho trovato un autore molto gentile e disponibile. L'intervista è stata ripresa tutta con il registratore (grande acquisto) e che aspetta solo di essere trascritta. Ovviamente anche in questo caso dovrete aspettare qualche giorno.
Qualche anticipazione sul contenuto dell'intervista: una leggenda celtica che ha dato ispirazione per il mito dentro a The stone, King che è riuscito ad affascinare un altro lettore ed una copertina che racchiude un segreto... Curiosi vero?

Mi spiace non potervi anticipare altro, ma credetemi attendete ancora qualche giorno che trascrivo il tutto e poi soddisferò alcune delle mie, e forse anche vostre, curiosità su questi autori.
Ora vado a dormire che domani si prospetta una giornata molto interessante :3
Per contattarmi e seguirmi durante il festival, seguitemi su Instagram o su Facebook.

settembre 07, 2017

Carry on - Rainbow Rowell

In realtà ho finito di leggere questo titolo un paio di settimane fa, ma attualmente sto dando un po' la precedenza ad altri libri in vista di Pordenonelegge, lasciando indietro altri progetti. Carry On però è sulla mia mensola delle recensioni da fare da un po' quindi è giunta anche la sua ora. Pronti?

Titolo: Carry On
Titolo originale: Carry On
Autrice: Jennifer Rainbow Rowell
Anno di pubblicazione: 2017
Casa editrice: Piemme
Genere: urban fantasy, YA, m/m

Trama:

Simon Snow è il peggior prescelto di sempre. Questo è ciò che sostiene Baz, il suo compagno di stanza. Baz potrà anche essere un vampiro e un nemico, ma ha probabilmente ragione. Per la maggior parte del tempo infatti Simon non sa far funzionare la sua bacchetta, oppure non sa controllare il suo inestinguibile potere mandando tutto a fuoco. Il suo mentore lo evita, la sua ragazza lo ha lasciato, e un mostro con la sua faccia si aggira per Watford, la scuola di magia in cui frequentano l'ultimo anno. Allora perché Baz non riesce a fare a meno di stargli sempre intorno?

settembre 04, 2017

La valle dei maghi - Kamal Abdulla

Come già avrete capito da giusto un paio di post precedenti, si sta avvicinando Pordenonelegge ed io ho dato uno stop al mio piano usuale di letture, per dedicarmi alla scoperta degli autori presenti alla manifestazione. Uno dei titoli che mi aveva attirato quasi subito è stato "La valle dei maghi" ed è stato uno dei miei primi acquisti in vista del festival. L'ho finito qualche giorno fa ed ora ve lo propongo ^^

Titolo: La valle dei maghi
Titolo originale: Sehrbazlar Dərəsi
Autore: Kamal Abdulla
Anno di pubblicazione: 2016
Casa editrice: Sandro Teti Editore
Genere: romanzo riflessivo a sfondo favolistico

Trama da Amazon:

"La valle dei maghi", ambientato in un immaginario Medioevo islamico, recupera tutto il fascino dell'Oriente e delle sue fiabe, catapultando il lettore nel cuore di un mondo i cui abitanti possono dominare il tempo e lo spazio, percorrendo più vie narrative. Kamal Abdulla realizza un'opera in cui convivono e si contrappongono la passione dell'amore, il mistero del sufismo e la ferocia della vendetta. La narrazione, sospesa tra favola e dramma, incastra storie dentro altre storie e affronta la ricerca di sé e del senso della vita.

agosto 31, 2017

Eat me or drink me #11 - Special Pordenonelegge 2017

Settembre è ormai alle porte e quindi inizierò a stressarvi sempre di più con la manifestazione di libri vicino casa mia, ovvero Pordenonelegge. Con questo Eat me or drink me speciale vi voglio elencare gli incontri con gli autori che vorrei seguire, e vi consiglierò anche i loro libri.

Mercoledì 13 settembre

In questa data di apertura della manifestazione, ovviamente sarà Carlos Ruiz Zafón che spero di andare a vedere. Dico spero perché tutti i posti che si potevano prenotare in anticipo sono andati esauriti e quindi devo mettermi in coda presto per l'evento in modo da poter avere l'incontro assicurato. Tenterò anche di chiedere l'intervista con lui, quindi non appena ne avrò la conferma vi informerò. Zafón terrà un incontro sul suo romanzo "Il labirinto degli spiriti", che dovrebbe chiudere il cerchio della saga iniziata con "L'ombra del vento" ben dodici anni fa.

Trama:

Barcellona, fine anni '50. Daniel Sempere non è più il ragazzino che abbiamo conosciuto tra i cunicoli del Cimitero dei Libri Dimenticati, alla scoperta del volume che gli avrebbe cambiato la vita. Il mistero della morte di sua madre Isabella ha aperto una voragine nella sua anima, un abisso dal quale la moglie Bea e il fedele amico Fermín stanno cercando di salvarlo. Proprio quando Daniel crede di essere arrivato a un passo dalla soluzione dell'enigma, un complotto ancora più oscuro e misterioso di quello che avrebbe potuto immaginare si estende fino a lui dalle viscere del Regime. È in quel momento che fa la sua comparsa Alicia Gris, un'anima emersa dalle ombre della guerra, per condurre Daniel al cuore delle tenebre e aiutarlo a svelare la storia segreta della sua famiglia, anche se il prezzo da pagare sarà altissimo. 

Successivamente mi recherò all'incontro dedicato al Premio Campiello^^

Giovedì 14 settembre

Mattinata di workshop a tema fantasy con un laboratorio intitolato : è tutto un fantasy - da Lo Hobbit a Harry Potter, un viaggio con gli eroi del genere.

Seguirà l'incontro di presentazione del libro "The Stone la settima pietra" di Guido Sgardoli, in uscita a settembre pochi giorni prima del festival.

Trama:

A Levermoir, una piccola isola al largo della costa irlandese, tutti si conoscono e la vita sembra scorrere uguale da sempre a se stessa. Liam abita con il padre, perennemente a pesca o al pub, ha perso da poco la madre per un incidente e sta cercando di rimettere insieme i pezzi della sua vita. Ma il misterioso suicidio del vecchio farista dà l’avvio a una serie di macabri episodi che trasformeranno profondamente l’isola e i suoi schivi abitanti. Sotto il faro a cui si è impiccato il signor Corry, Liam trova una pietra con delle strane incisioni, simile a quella che la madre aveva nascosto nella serra. Quando scopre che le due pietre, se accostate, diventano una cosa sola emanando un bagliore bluastro, condivide lo stupore con i suoi amici di sempre, Midrius e Dotty. Nel frattempo fatti tragici si susseguono senza tregua: morti sospette, incendi, sparizioni, incidenti stradali, e in ogni occasione fa la sua comparsa un frammento di quella che sembra essere la leggendaria Settima Pietra, che esercita un oscuro potere sulle menti delle persone. E Liam non riesce a capire quale sia il suo ruolo in questo disegno del destino. 

Purtroppo non riuscirò a trattenermi oltre al festival per gli incontri pomeridiani, ma magari riesco a tornarci per quelli serali, staremo a vedere lo sviluppo della giornata.

Venerdì 15 settembre (aka la giornata più piena del festival)

Ben due workshop nella mattinata, uno con Davide Morosinotto e uno con Edson Paz. Forse nel pomeriggio riesco ad inserire l'incontro con Andrea Maggi ed infine il centro del mio Pordenonelegge ovvero Jennifer Niven, che terrà un incontro dedicato al suo libro "L'universo nei tuoi occhi".

Trama:

Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d’ordine di Jack Masselin, diciassette anni e un segreto ben custodito: Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi genitori, o quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell’impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. E finora è riuscito a cavarsela. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell’universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per poter essere accettata dai suoi compagni di scuola. Un giorno, per non sfigurare davanti agli amici, Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due caratteri più diversi dei loro. Eppure… più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.

Di sicuro anche per lei chiederò l'intervista, con tante domande sull'altro suo best-seller, ovvero "Raccontami di un giorno perfetto" di cui potete trovare la recensione QUI.

Sabato 16 settembre

Sarà la giornata "va' dove ti porta il cuore". Penso di seguire un incontro sui social network e uno su amicizia e viaggi con Federica Bosco e Luca Bianchini. Il resto lo deciderò sul momento.

Domenica 17 settembre (aka il giorno in cui Lea scoprì di non possedere ancora il dono dell'ubiquità)

Ogni anno capita questa giornata dove ci sono due incontri a cui vorrei partecipare ma che si svolgono alla stessa ora, quindi impossibile farli entrambi.
Uno è l'incontro con Kamal Abdulla, scrittore del titolo "La valle dei maghi" che sto attualmente leggendo, e uno con Bruno Tognolini, autore del libro "Il giardino dei musi eterni" titolo per ragazzi che mi ispira tantissimo. Anche qui spero di destreggiarmi tra i due incontri risolvendola così: intervista con il primo e incontro vero e proprio con il secondo.
Ultimo appuntamento a chiusura del mio festival sarà la presentazione del libro "Prendiluna" di Stefano Benni, che mi ha molto incuriosito e non vedo l'ora di assistere a questo incontro ^^

Trama:

Una notte in una casa nel bosco, un gatto fantasma affida a Prendiluna, una vecchia maestra in pensione, una Missione da cui dipendono le sorti dell'umanità. I Diecimici devono essere consegnati a dieci Giusti. È vero o è un'allucinazione? A partire da questo momento non saprete mai dove vi trovate, se in un mondo onirico farsesco e imprevedibile, in un sogno Matrioska in un Trisogno profetico, se state vivendo nel delirio di un pazzo o nella crudele realtà dei nostri tempi. 
Incontrerete personaggi magici, comici, crudeli. Dolcino l'Eretico e Michele l'Arcangelo - forse creature celesti, forse soltanto due matti scappati da una clinica, che vogliono punire Dio per il dolore che dà al mondo. Un enigmatico killer-diavolo, misteriosamente legato a Michele. Il dio Chiomadoro e la setta degli Annibaliani, con i loro orribili segreti e il loro disegno di potere. E altri vecchi allievi di Prendiluna: Enrico il Bello, Clotilde la regina del sex shop, Fiordaliso la geniale matematica. E il dolce fantasma di Margherita, amore di Dolcino, uccisa dalla setta di Chiomadoro. E conosceremo Aiace l'odiatore cibernetico e lo scienziato Cervo Lucano che insegna agli insetti come ereditare la terra. Viaggeremo attraverso il triste rettilario del mondo televisivo, e la gioia dei bambini che sanno giocare al Pallone Invisibile, periferie desolate e tunnel dove si nascondono i dannati della città. Conosceremo i Diecimici - come Sylvia la gatta poetessa, Jorge il gatto telepatico, Prufrock dalle nove vite - e poi Hamlet il pianista stregone, il commissario Garbuglio che vorrebbe diventare un divo dello schermo, e l'ultracentenaria suor Scolastica, strega malvagia e insonne in preda ai rimorsi. Fino all'Università Maxonia, dove il sogno diventerà una tragica mortale battaglia e ognuno incontrerà il proprio destino. E ci sveglieremo alla fine sulla luna, o in riva al mare, o nella dilaniata realtà del nostro presente.

Molto molto interessante non trovate?

Questo quindi è il mio programma per questa edizione di Pordenonelegge, bello pieno no? Ho ancora molti preparativi da fare, libri da finire e domande da scrivere, ma sto già facendo il conto alla rovescia per questa fantastica manifestazione ^^
Se avete qualche domanda da suggerire per gli autori sopra indicati, potete scriverla nei commenti qui sotto o in una mail. Se ne avrò l'occasione porterò con me anche le vostre domande da fare agli autori ^^. Scrivetemi anche se semplicemente siete in città e volete condividere un po' di tempo con me fra un incontro e l'altro <3

agosto 22, 2017

Onyx - Jennifer L. Armentrout

Nella settimana di ferragosto ho voluto dedicare il mio tempo alla lettura di alcuni libri che morivo dalla voglia di leggere, ma che avevo tralasciato in favore di altri libri presi in precedenza o libri che devo leggere per i prossimi eventi a tema libri.
Onyx è il secondo libro della serie Lux di cui potete trovare la recensione al primo romanzo Obsidian QUI. Correte a leggerla se ve la siete persa ^^.

Titolo: Onyx
Titolo originale: Onyx
Serie: Lux #2
Autrice: Jennifer L. Armentrout
Anno di pubblicazione: 2014
Casa editrice: Giunti Editore
Genere: fantasy, YA, alieni

Trama:

Daemon Black ultimamente è cambiato: dolce, passionale, protettivo e addirittura geloso, sembra davvero prendere sul serio la relazione con Katy, che adesso è qualcosa di più di una bizzarra connessione aliena. E Katy? Ancora combattuta, non può più negare di esserne perdutamente innamorata. Però non è facile godersi una storia d’amore quando il pericolo è in agguato: una minacciosa presenza che viene da un altro mondo e nasconde segreti impensabili. Katy è sconvolta per aver appreso cose che non poteva lontanamente immaginare e l’improvvisa apparizione di qualcuno creduto morto non rende certo la situazione più semplice.
Determinati a scoprire la verità sulla scomparsa di Dawson e della sua ragazza, Katy e Daemon si trovano ad affrontare una lotta di dimensioni cosmiche. Nessuno è ciò che sembra e i segreti nascosti per così tanto tempo reclameranno le loro vittime. 

agosto 19, 2017

Raccontami di un giorno perfetto - Jennifer Niven

In teoria dovevo concludere questa lettura la prossima settimana, ma ieri sera facevo fatica ad addormentarmi ed ho finito "Raccontami di un giorno perfetto" di Jennifer Niven.
Non è un fantasy, ma dovevo assolutamente leggere questo libro prima dell'incontro con l'autrice a Pordenonelegge per farmi un'idea del suo stile e conoscerla un po'.

Titolo: Raccontami di un giorno perfetto
Titolo originale: All the bright places
Autrice: Jennifer Niven
Anno di pubblicazione: 2015
Casa editrice: De Agostini
Genere: YA

Trama:

È una gelida mattina di gennaio quella in cui Theodore Finch decide di salire sulla torre campanaria della scuola per capire come ci si sente a guardare di sotto. L’ultima cosa che si aspetta però è di trovare qualcun altro lassù, in bilico sul cornicione a sei piani d’altezza. Men che meno Violet Markey, una delle ragazze più popolari del liceo. Eppure Finch e Violet si somigliano più di quanto possano immaginare.
Sono due anime fragili: lui lotta da anni con la depressione, lei ha visto morire la sorella in un terribile incidente d’auto. È in quel preciso istante che i due ragazzi provano per la prima volta la vertigine che li legherà nei mesi successivi. I giorni, le settimane in cui un progetto scolastico li porterà alla scoperta dei luoghi più bizzarri e sconosciuti del loro Paese e l’amicizia si trasformerà in un amore travolgente, una drammatica corsa contro il tempo. E alla fine di questa corsa, a rimanere indelebile nella memoria sarà l’incanto di una storia d’amore tra due ragazzi che stanno per diventare adulti. Quel genere d’incanto che solo le giornate perfette sono capaci di regalare. Raccontami di un giorno perfetto è un romanzo commovente e coraggioso.
Una storia che spezza il cuore in tutti i modi possibili e ci ricorda che cosa significa essere vivi.

agosto 17, 2017

Le fiabe del dodo #20

Buongiorno! Spero vi stiate divertendo in questa settimana. Sia chi è in vacanza, sia chi come me sta passando qualche giorno a casa a leggere e fare lavori domestici. Come al solito ho fatto davvero fatica a trovare una fiaba che mi piacesse nel maxi libro di Andersen, ma non posso scegliere sempre e solo quelle dei Grimm. Ho optato per una fiaba dal titolo "Il colletto duro" perché mi ricorda molte, forse troppe persone ai giorni nostri...